Premio Asimov 2020: “Il pianeta umano, come abbiamo creato l’Antropocene”.

Anche quest’anno, come nei precedenti quattro, si è svolta l’annuale edizione del Premio Asimov che, come recita l’omonimo sito web, “è un riconoscimento riservato ad opere di divulgazione e di saggistica scientifica particolarmente meritevoli. Esso vede come protagonisti sia gli autori delle opere in lizza che migliaia di studenti italiani, che decretano il vincitore con i loro voti e con le loro recensioni, a loro volta valutate e premiate”.

Quest’anno nella lista c’era “Il pianeta umano”, un manuale di Simon Lewis e Mark Maslin, ed è proprio leggendo e scrivendo su questo libro che sono riuscita a rientrare tra le migliori recensioni della regione Abruzzo, grazie al progetto coordinato nel nostro Liceo dal professor Vittorio Colagrande.

Di seguito la recensione.

Abbiamo sempre visto quanto l’essere umano sia diverso dall’animale in quanto a coscienza ed uso, consapevole o meno, della parte più istintiva di noi, ma abbiamo mai notato che la differenza sta anche nell’aver modificato il mondo?
L’impatto che la potenza delle azioni umane ha avuto sul nostro pianeta è stato crescente e sostanziale, tanto che ha dato vita ad una nuova era geologica: l’Antropocene.

La storia della nostra vita sulla Terra è la storia della hybris umana, che molto spesso ci porta a crederci superiori a qualsiasi altra cosa e che, immancabilmente, ci porterà molto presto a sbattere la testa contro il Titano che è il nostro mondo; osservata attentamente dagli occhi della nuova scienza e delle nuove visioni politiche, viene ampliamente raccontata in questo volume, “Il pianeta umano”, di Simon Lewis, professore universitario di Global Change Science, e Mark Maslin, docente di Heart System Science, pubblicato nel duemiladiciannove dalla casa editrice Einaudi.
Una narrazione che parte dagli albori della comparsa della razza umana e compie un lungo viaggio attraverso numerosi esempi di teorie e tesi con parole mai troppo tecniche e scientifiche, passando per intellettuali e scienziati, politica e filosofia, scienza e religione, secoli e guerre, occidente e oriente: dalla realizzazione del fatto che “l’uomo è una nuova forza tellurica che, per la sua potenza e universalità, non sviene in faccia alle maggiori forze del globo” fino ad un’ingente spiegazione di tutti i fenomeni ,scanditi in una suddivisione precisa del tempo, che hanno cambiato per sempre la “faccia” del nostro pianeta nel corso dei secoli e millenni scorsi.
Che venisse chiamata “epoca recente, “olocene”, “epoca antropozoica” o “era dell’uomo e della mente” non fa differenza, l’importante è capire come si è arrivati ad essere più dannosi di meteoriti, vulcani e terremoti.
Dagli studi dei geologi ottocenteschi fino alle nuove concezioni di era umana, passano circa trecento pagine, da leggere tutte con estrema attenzione, stando attenti ad ogni minimo particolare, per assicurarsi di non perdersi neanche una virgola di questo vero e proprio manuale di storia moderna.
Leggermente ripetitivo nel primo capitolo, gli altri dieci si leggono con scioltezza, leggerezza e fame di sapere cosa verrà dopo. Una storia che potrebbe sembrare noiosa e fuori tempo ma che, senza ombra di dubbio, ti fa entrare nei meccanismi del pianeta Terra e ti fa rivivere la storia di un mondo distrutto dalla razza che lo abita, tanto dannosa e mai del tutto inconsapevolmente sadica da poter essere quasi paragonabile ad un parassita dei nostri animali domestici.
Un manuale di alta fattura, importante e leggibile da tutti, comprensivo di schemi, dati, note e di un indice analitico che non lasciano nulla al caso e pieno di tutte le risposte alle domande che sorgono spontanee tra una pagina e l’altra”.

Martina Ciancetta IIID

GIORNI STRANI. Un’intervista al dott. Gianni Tognoni.

Giorni strani, quelli che stiamo vivendo. Il Covid-19, meglio conosciuto come ‘’coronavirus’’, si è palesato senza molto preavviso, ma d’altronde, non tutto quello che accade attorno a noi lo fa dandoci il tempo necessario per essere pronti ad affrontarlo. Da giorni, ormai, siamo rinchiusi nelle nostre case, nella speranza che tutto passi in fretta. Eppure, c’è qualcuno che non ha ancora capito la gravità della situazione.

Stop al lavoro.
Stop alla scuola. Stop agli abbracci. Stop alla vita.

Privati di tutto, anche della libertà. Bisogna, però, trovare il modo di reagire a tutto questo, talvolta anche ‘’nascondendosi’’ dietro il monitor di un pc, che sia per lavoro o per scuola. Da alcune settimane, stiamo sperimentando con l’aiuto degli insegnanti, la cosiddetta ‘’didattica a distanza’’, che ci permette di andare avanti con il programma e al tempo stesso di tenerci in contatto, anche per sentire meno il peso di questa strana e inedita condizione. Il “coronavirus” è, comunque, sempre presente in tutte le nostre videolezioni, a partire dai saluti iniziali. Il 24 marzo 2020, durante una delle videolezioni di scienze, abbiamo avuto la partecipazione in videoconferenza del Dott. Tognoni, già direttore del Consorzio Mario Negri Sud, epidemiologo e specialista in politiche sanitarie, che ci ha illustrato tutte le dinamiche e gli aspetti del Covid-19 soffermandosi su tre punti principali: quello biologico e medico, quello che riguarda la diffusione del virus, le cause e gli eventuali (seppure in via sperimentale) rimedi. Di virus ne esistono molti. Questo fa parte della famiglia dei virus influenzali, un virus a RNA, che, però, ha sorpreso anche il mondo scientifico per la sua altissima contagiosità e aggressività, tanto da aver sconvolto l’intera umanità, nel giro di pochissimo tempo. I medici non riescono ancora a spiegarsi il perché di questa aggressività nel contagio e nei sintomi. Un virus, almeno in un primo momento, forse troppo sottovalutato, che con il tempo ha portato molte persone alla morte e molte altre a restare chiuse in casa.
Dopo una prima presentazione generale, da parte del Dott. Tognoni, che ha toccato gli aspetti biologico-sanitari legati a questa terribile infezione, sottolineando che ci sono ancora tante domande aperte in attesa di risposta da parte del mondo scientifico, siamo intervenuti noi con tante domande. Ne riporto alcune, con annesse risposte:

“Quali farmaci si possono, al momento, usare per combattere il Covid-19?”
“Al momento non ce ne sono, nel senso che di antivirali nel mondo ce sono molti, ma nessuno sembra essere efficace per combattere il Covid-19 e, quelli in fase di sperimentazione, non saranno utilizzabili in tempi brevi. Gli antivirali che attualmente si usano per curare l’AIDS, Ebola, non sono abbastanza specifici o efficaci. L’evoluzione del coronavirus porta ad un peggioramento molto veloce, pertanto i farmaci antivirali che generalmente richiedono un tempo di somministrazione molto lungo per essere efficaci, non vanno bene per questa cura. Occorre un farmaco mirato, che agisca in breve tempo.”

“Cosa ne pensa del farmaco utilizzato a Napoli?”
“Si a Napoli hanno provato a somministrare un farmaco notoriamente usato per curare l’artrite reumatoide che è riuscito a guarire 4 persone, ma questo non basta perché possa dirsi efficace per tutti. La sperimentazione ha bisogno di poter comparare persone che prendono il farmaco in questione e persone che prendono altri farmaci sperimentali per poter vedere a breve, a medio e a lungo periodo la reazione di ognuno. La medicina ha bisogno di cure che possano applicarsi in maniera generale.
I farmaci antivirali vanno monitorati almeno per dieci giorni per vedere se effettivamente vi è un miglioramento delle condizioni in modo da ridurre il tempo di sosta nella terapia intensiva, dando così a più persone la possibilità di curarsi. Si sta valutando anche l’utilizzo di farmaci non concepiti per la terapia antivirale, ma per curare le patologie polmonari, come la polmonite, per ridurre in tal modo il danno polmonare. Se un farmaco controlla o riduce il danno anche del 30-40% può dirsi miracoloso.”

“E i vaccini?”
“Per quanto riguarda i vaccini, questi non saranno pronti prima di un anno e generalmente presentano il limite di non essere efficaci al 100%.”

“Una volta debellata la malattia, vi è il rischio di contrarre di nuovo il virus?”
“Gli individui generalmente sviluppano anticorpi che durano potenzialmente per la vita. Tuttavia vi sono risposte estremamente variabili da individuo a individuo e bisogna ancora valutare se l’immunità è attiva e per quanto tempo dura.”

“Come ha risposto la sanità a questa emergenza?”
“I disinvestimenti in sanità portati avanti negli anni in Italia, e in maniera assolutamente trasversale, hanno acuito le tante difficoltà in cui la sanità pubblica si è imbattuta per fronteggiare questa grande emergenza sanitaria: posti letto insufficienti in generale ed in particolare nei reparti di terapia intensiva, personale medico ed infermieristico sottodimensionato, attrezzature insufficienti. Sono moltissimi i medici in pensione che vengono richiamati ai loro impieghi. Molti sono anche i medici appena laureati a cui vengono immediatamente consegnati camice, guanti e mascherine. Ragazzi molto giovani, spaventati, alle prime armi.
Il Dott. Tognoni ha concluso il suo interessante e stimolante intervento sottolineando l’importanza di tutelare il welfare pubblico, sottolineando come Istruzione e Salute debbano essere al primo posto nel servizio pubblico a tutela del diritto alla cittadinanza.

Conclusioni
Per la prima volta ho sentito parlare del ‘’Welfare”, della importanza di tutelare la sanità pubblica. Mi sono allora un po’ documentato. Il termine, che letteralmente si traduce con “stare bene, benessere”, nasce in Gran Bretagna appena dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. Il paese era devastato, la popolazione stremata e tutto era da risistemare. Proprio in questo contesto, in questa fase di ricostruzione, nasce il termine “welfare” intendendo quel benessere che andava riportato nel paese e nel popolo che, a causa della guerra, aveva perso tutto. Oggi con questo termine si è soliti indicare uno stato sociale, che vuole eliminare le disuguaglianze economiche e sociali e assiste le fasce più deboli della popolazione. Oggi si parla anche di “welfare aziendale”.
Si tratta di servizi e agevolazioni in campo aziendale da fornire ai dipendenti, tra i quali rientra anche lo “smart working”, il lavoro da casa, quello veloce e praticabile dal proprio pc. Il Dott. Tognoni ha più volte ribadito durante la conferenza, l’importanza dello stare a casa per evitare il contagio, per proteggere noi stessi e gli altri. Quello che ci viene chiesto è dunque un piccolo sforzo, per il bene di tutta l’umanità (considerando l’estensione che il virus ha avuto in questi giorni). Un impegno che riguarda ogni campo d’azione, dal lavoro alla scuola, dalla palestra all’aperitivo al bar con gli amici, senza eccezioni. Prima capiremo la gravità della situazione e l’importanza delle nostre azioni e prima, insieme, riusciremo a riprenderci. Restiamo a casa, in famiglia. Utilizziamo bene questo tempo. “Non spegniamo la fiammella smorta (cfr Is 42,3), che mai si ammala, e lasciamo che riaccenda la speranza”. Queste le parole di Papa Francesco nell’omelia pronunciata nel momento di preghiera straordinario in tempo di epidemia tenutosi il 27 marzo 2020 in una San Pietro deserta, spoglia, coperta solo da nuvole scure che portano pioggia. “Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca – continua il Papa nella sua omelia – tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti. La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità. Ci dimostra come abbiamo lasciato addormentato e abbandonato ciò che alimenta, sostiene e dà forza alla nostra vita e alla nostra comunità. Con la tempesta, è caduto il trucco di quegli stereotipi con cui mascheravamo i nostri “ego” sempre preoccupati della propria immagine; ed è rimasta scoperta, ancora una volta, quella (benedetta) appartenenza comune alla quale non possiamo sottrarci: l’appartenenza come fratelli.” Chissà magari, quando tutto sarà finito, riusciremo a saper apprezzare tutto quello che abbiamo sempre dato per scontato. Saremo donne e uomini diversi, migliori. Riscopriremo i valori importanti della vita, quelli veri. Impareremo ad utilizzare il nostro tempo al meglio, a dare valore ad ogni singolo momento.

Cristian Torosantucci III G

UN NEMICO ANCORA SCONOSCIUTO

Ormai tutti pensiamo di sapere cosa sia il COVID-19 e cosa provochi.
Ma analizziamo dettagliatamente diverse notizie che i media non riportano.
Molti pensano che il virus sia nato in un mercato del pesce di Wuhan e trasmesso all’uomo tramite il pipistrello. Ma secondo degli studi di due biologi, Botao Xiao e Lei Xiao, il COVID-19 sarebbe nato in un laboratorio nei pressi del mercato. I due ricercatori spiegano che in città non è molto venduto l’animale e indagando hanno scoperto che nei paraggi si trovano due laboratori che conducono ricerche animalistiche. In particolare il “Wuhan Center For Disease Control And Prevention” si trova a soli 280 metri, mentre il secondo a 12 Km. La Cina, essendo una giovane democrazia, è ancora legata a un sistema decisionale centralizzato che tende a nascondere molte notizie, come ad esempio l’esatto numero delle vittime o dei contagiati, poichè le notizie reali potrebbero danneggiare ancora di più il paese dal punto di vista economico. Pare infatti che i primi contagi siano avvenuti a Novembre mentre la Cina afferma che le prime evidenze cliniche si siano manifestate a Gennaio.

Il COVID-19.

Ormai ne sentiamo parlare continuamente, ovunque vengono elencate norme di prevenzione. Non abbiamo grandi certezze perché le situazioni cambiano continuamente, i dati sembrano crescere a dismisura, ma come dice il premier Conte nel suo ultimo decreto ,che possiamo sintetizzare come “Io resto a casa”, è bene che ognuno faccia la sua parte. Basta egoismi: dobbiamo scoprirci comunità, dobbiamo accettare con consapevolezza e convinzione la necessità di fare piccoli sacrifici in nome di un bene più grande, la cura degli altri. Nessuno è immune e tutti potenzialmente possiamo sviluppare la patologia. Tocca a noi contrastarla!

DISTANTI MA UNITI CONTRO LO STESSO NEMICO!

Federica Levante e Paola Cirulli IIIH

EEE, quando la Fisica appassiona.

“Siete le nostre cavie oggi!”
Questa è la frase che riecheggiava nelle nostre orecchie sabato 30 Novembre 2019, quando insieme alle professoresse Torriero, De Titta e Bertin ci siamo recati a Lettomanoppello per effettuare l’ultima misurazione con la cosmic box.
Vi starete chiedendo di cosa io stia parlando.
Circa una quarantina di ragazzi del triennio del nostro liceo hanno aderito al progetto EEE, Extreme Energy Events, per lo studio dei raggi cosmici, e proprio questa iniziativa ci ha messo davanti a molte attività. Una di queste è stata appunto l’uscita del 30 Novembre grazie alla quale abbiamo avuto l’opportunità di entrare nelle grotte delle Praje, grotte non aperte al pubblico.
Proprio a causa di ciò noi ragazzi abbiamo ricoperto il ruolo di cavie per gli speleologi, i quali stavano studiando la reazione della grotta all’ingresso di un numero consistente di persone.
Armati di caschetti con le luci e vecchi vestiti, e con l’aiuto di funi abbiamo fatto il nostro ingresso nel primo vano della grotta. In esso abbiamo potuto osservare alcuni degli strumenti posizionati dagli speleologi, come ad esempio una fototrappola usata per monitorare i movimenti degli animali che visitano l’ambiente.
Il passo successivo è stato attraversare un cunicolo più stretto, alto forse neanche un metro, per giungere in un altro ambiente nel quale siamo dovuti rimanere in assoluto silenzio al fine di non svegliare le due specie di pipistrelli in letargo presenti nella grotta. Tra scivoloni sul fango e botte con la testa siamo riusciti ad arrivare all’altro capo del cunicolo e ad avere la fortuna di osservare da vicino un esemplare di pipistrello appeso alla roccia.
Continuando il cammino siamo infine arrivati nell’ultimo vano in cui avevamo il permesso di entrare. Tutti stretti in esso abbiamo ascoltato le spiegazioni degli speleologi sul loro lavoro e su altri strumenti posizionati tra le stalattiti e le stalagmiti, come il misuratore di variazione di umidità e di calore. Con il nostro ingresso in grotta di soli 45 minuti la temperatura all’interno di essa si era innalzata di circa 2°C!
Usciti all’esterno eravamo sporchi di fango anche se la grotta era nel suo periodo più secco. Ci siamo cambiati e siamo riscesi con l’autobus fino a Lettomanoppello paese, dove ci siamo recati nella sala conferenze in cui eravamo stati anche al mattino, prima di entrare nelle grotte.
Mentre stanchi per l’avventura ascoltavamo le esaudienti spiegazioni degli organizzatori dell’evento sugli utilizzi del bitume, che fino agli anni settanta era estratto e venduto in commercio dalla vicina miniera di Cunicelle, i nostri sguardi si volgevano spesso alla porta di ingresso.
Aspettavamo con ansia il ritorno della professoressa Torriero che, insieme ad altri speleologi, si era recata proprio all’interno della miniera per effettuare le misure con la cosmic box.
Quando finalmente la prof e gli speleologi hanno fatto il loro ingresso nella sala delle conferenze da noi alunni è partito un grande applauso!
Abbiamo osservato con loro le foto che avevano scattato internamente ed esternamente, gli otto livelli della miniera ed i video registrati mentre si muovevano tra il bitume e le colate di zolfo e mentre la cosmic box effettuava le sue registrazioni di raggi cosmici.
Infine verso le 17.30 siamo ripartiti con l’autobus, ascoltando i racconti della prof sulla sua esperienza in miniera, e siamo tornati a Lanciano dove, in Pietrosa, si è conclusa questa nostra avventura!
Questa iniziativa mi ha entusiasmato! Consiglio vivamente a tutti i ragazzi, i quali non considerano la fisica una “condanna a morte”, di aderire al progetto EEE!

Alice D’Autilio III E

COLTAN: IL MINERALE INSANGUINATO.

Centro di Raccolta posto nell’ingresso della scuola

Il Liceo Scientifico “G.GALILEI” di Lanciano è diventato il Centro Ufficiale di raccolta cellulari della provincia di Chieti. Un’iniziativa proposta dalla prof.ssa Di Lallo Mariella, docente di scienze presso questa scuola, per promuovere, tra noi giovani, un’attenzione particolare alle risorse del pianeta, al loro depauperamento, alle violazioni dei diritti umani che spesso si accompagnano nei luoghi ricchi di materie prime di cui il mondo occidentale non può più farne a meno.

Questa campagna di riciclaggio è stata promossa, a livello mondiale, dalla icercatrice Jane Goodall che recentemente ha dato il via al riciclaggio degli smartphone usati, in modo da sostenere le spese per l’istruzione dei bambini della Casa del Bambino Sanganigwa, in Tanzania.

Lo scopo di questo progetto è la raccolta di cellulari, per estrarre i quindi riciclare i preziosi minerali che lo compongono.  Ognuno di essi, come anche i tablet e i computer portatili, contiene il COLTAN, una combinazione di minerali TANTALIO e COLUMBITE, importanti per realizzare condensatori, ovvero accumulatori di energia, indispensabili per il funzionamento  di strumenti elettronici, come i telefoni cellulari. I cellulari sono alta tecnologia in fatto di consumi elettronici in quanto, per quello che fanno, consumano veramente poca energia e questo grazie al tantalio.

Questa economia è controllata dai grandi
“signori della guerra” .

Il Coltan si estrae nelle miniere a cielo aperto ad opera di milioni di schiavi “volontari” tra cui anche bambini. Vengono utilizzati quest’ultimi poiché questo minerale viene estratto anche in cunicoli stretti e difficilmente raggiungibili da un adulto.

Distribuito per il 5% in Brasile, il 5% in Thailandia, il 10% in Australia e  l’80% in Africa, la Repubblica Democratica del Congo (R.D.C) è la patria del Coltan. Qui la manodopera è a bassissimo costo: i lavoratori percepiscono soli 50 dollari al mese. Occorre una settimana di lavoro e 5 persone per estrarre un chilo di Coltan per poi essere venduto a 20 dollari.

Viene chiamato “minerale insanguinato” per via dei tanti conflitti che devastano il Congo. Spesso fatta passare dai media ufficiali come una “guerra etnica”, il conflitto è in realtà dovuto alle risorse naturali, ambite da Società Per Azioni straniere decisamente ‘ghiotte’ di diamanti, rame, oro, ma soprattutto di coltan.

 Gli abitanti sono costretti ad emigrare all’interno della R.D.C. in cerca di un luogo dove stanziarsi. Da un giorno all’altro possono essere allontanati da qualche multinazionale che decide di “inaugurare” una nuova miniera. Nessuno però parla di telefoni insanguinati. E’ acclarato ormai che l’Occidente è responsabile di alimentare conflitti, anche molto sanguinosi, in questi territori africani.

La gente locale afferma di aver paura di morire in quelle miniere ma, al contempo, ha paura di morire di fame se non lavora.

Ma come fa una terra così ricca come il Congo ad essere povera?

Un congolese afferma: “Anche quando lavoravamo per i bianchi, loro si arricchivano e a noi rimanevano solo le briciole. Il Congo è ricco ma la gente rimane povera”.

Un paradosso alquanto fastidioso. Queste grandi, grandissime quantità di minerali hanno attirato il mondo Occidentale, interessato a imporre il proprio controllo arrivando a finanziare conflitti e guerriglieri.

Allora io invito tutti a prendere un cellulare e iniziare a porsi delle domande:

Quanti cellulari ho?

Quanti ne ho avuti?

Perché li ho cambiati?

Ad osservarli, poi,  più da vicino, e chiedersi:

Da dove viene?

Chi l’ha costruito ? e dove?

Per approfondire l’analisi, interrogandosi sulla provenienza delle materie prime, con le domande:

Da dove vengono ?

Come sono questi paesi? 

Chi si occupa della loro raccolta?

E ancora:

Il mio stile di vita può influenzare tutto questo?

Cosa significa essere informati e sapere da dove nascono le cose?

In Italia i Centri di Raccolta aumentano giorno dopo giorno. Ad oggi ci sono 162 punti di Raccolta attivi, di cui solo 8 nella Regione Abruzzo.

Noi siamo qui:

https://www.google.com/maps/d/viewer?mid=1sZHSGxf1z5skfKs8Ib3OOKIVL98&ll=42.221918000000024%2C14.39167210000005&z=8

A questo punto il gesto di entrare a scuola, mettere i nostri cellulari usati nel centro di raccolta posto all’ingresso della nostra scuola, è un atto etico di responsabilità verso l’uomo e l’ambiente.

Jessica di Sciullo, 3F