Storpelsteine: intervento di Giulia D’Amico.

Si è da pochi giorni concluso il progetto sugli Stolpersteine (pietre d’inciampo) coordinato dal prof. Luciano Biondi che ha visto la partecipazione di 25 studenti del liceo scientifico e di altrettanti alunni delle scuole medie di Castel Frentano. Abbiamo già pubblicato qualche tempo fa la locandina che annunciava la manifestazione finale.

Quello che segue è l’intervento di Giulia D’Amico (5C) il 7 gennaio scorso tenuto in occasione della posa in opera di cinque pietre d’inciampo a Castel Frentano.

Gli Stolpersteine, in italiano definiti come Pietre d’inciampo, nascono da un’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig volta a  depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città europee, una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti. Si tratta di un semplice sampietrino il quale reca incisi sulla superficie superiore, rivestita di ottone, nome e cognome, data di nascita, data e luogo di deportazione nonché data di morte del deportato. Queste sorgono nei pressi dell’abitazione dei deportati, dai luoghi da cui sono stati strappati ai loro affetti e alle loro occupazioni, per essere uccisi senza nemmeno esser degni di sepoltura.

Gunter Demnig prepara ogni singolo Stolperstein e lo interra personalmente, pienamente consapevole della responsabilità che porta. Così dice: “Sono sempre inorridito ogni volta che incido i nomi, lettera dopo lettera. Ma questo fa parte del progetto, perché così ricordo a me stesso che dietro quel nome c’è un singolo individuo. Si parla di bambini, di uomini, di donne che erano vicini di casa, compagni di scuola, amici e colleghi. E ogni nome evoca per me un’immagine. Vado nel luogo, nella strada, davanti alla casa dove la persona viveva. L’installazione di ogni Stolperstein è un processo doloroso ma anche positivo perché rappresenta un ritorno a casa, almeno della memoria di qualcuno.”

Il verbo stolpern della parola Stolperstein presenta nella sua forma attiva il significato di attivare la memoria, mentre significa inciampare nella forma passiva. Tutte e due queste valenze si riflettono pienamente nel nome stesso del progetto. Le Pietre d’inciampo sono poste là dove ebbe inizio la deportazione per tante categorie di perseguitati e, proponendo un concreto intreccio fra memoria e storia, indicano delle vere e proprie “ferite della città” che rinviano a loro volta a una dimensione più ampia, di ambito europeo, riguardante l’articolato quadro della repressione e delle vittime del nazismo.

Pensati nel 1993, due anni dopo furono installati per la prima volta senza autorizzazione nella città di Colonia; oggi gli Stolpersteine sono diffusi in centinaia città europee e in diciassette Stati, tra cui l’Italia, e ciascuno di essi, in modo transnazionale, partecipa alla costruzione di questo monumento diffuso, mosaico di memorie europee.

Oggi anche Castel Frentano entra a far parte di questo “mosaico” di memorie, divenendo la città con più pietre d’inciampo d’Abruzzo, ridonando la vita a due famiglie, a cinque persone, le cui storie si sono intrecciate proprio qui in questo luogo. Parliamo della famiglia Nagler e della famiglia Fuerst, entrambe provenienti da Trieste e i loro destini assunsero lo stesso colore a partire da questo piccolo paese.

La famiglia Nagler era composta da Salo, Adele e Giacomo, il loro unico figlio. Salo Nagler, ebreo, nacque a Sloboda, nell’attuale Ucraina, il 23 marzo 1886.  Adele Fitzer, sua moglie, a Stanislawow in Polonia, il 19 ottobre 1888. Il 19 luglio 1913 venne al mondo il piccolo Giacomo, sempre a Stanislawow, in Polonia. Nel maggio 1920 Salo si trasferì insieme alla sua famiglia a Trieste ed intraprese la carriera di commerciante avviando un negozio di ferramenta. Salo, Adele e Giacomo sarebbero dovuti partire per l’America nel luglio del 1940. I documenti erano pronti, tutto era pronto per raggiungere il fratello di Salo, Emanuele, che viveva a New York. Le cose però non andarono come sarebbero dovute andare. L’Italia entrerà il guerra il 10 giugno di quell’anno e la sorte della famiglia Nagler ne sarà irrimediabilmente segnata. Un mese dopo lo scoppio della guerra Salo fu arrestato e poi internato nel campo di concentramento di Casoli. I primi giorni dell’aprile del 1941 venne trasferito a Lanciano. Il 7 giugno di quello stesso anno arrivò nel campo di internamento di Castel Frentano, insieme alla moglie Adele. Il figlio Giacomo fu arrestato e poi internato nel campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia il 29 luglio 1940. Il 14 settembre fu trasferito nel campo di Casoli. Il 6 dicembre giunse nel campo di internamento di Castel Frentano, dove erano già i suoi genitori.

Per quanto riguarda la famiglia Fuerst sappiamo che era composta unicamente da moglie e marito, i quali nomi erano Betty ed Arturo. Arturo Fuerst, ebreo, nacque a Danzica, in Polonia, il 6 gennaio 1886. Betty Abrahamson, ebrea, nacque a Karthaus, in Germania, il 16 aprile 1892. Nel novembre del 1939 si trasferirono insieme a Trieste, città in cui Arturo intraprese anch’egli, come Salo Nagler, la carriera di commerciante. Arturo venne arrestato e poi internato nel campo di concentramento di  Casoli,  il 10 luglio 1940. Il 23 novembre fu trasferito a San Vito Chietino, dove venne raggiunto dalla moglie il 16 maggio 1941. Il 25 maggio 1941 si stabilirono nel campo di internamento di Castel Frentano.

Di queste due famiglie abbiamo pochissime notizie, ma è la più importante a non essere stata persa, la notizia che ci permette di ricucire la trama intrecciata delle loro storie, la notizia che ci permette di essere qui oggi a fare memoria di loro, qui in questo preciso luogo.

Salo, Adele, Giacomo, Arturo e Betty, dopo essere stati arrestati i primi di novembre del 1943 da Castel Frentano vennero trasferiti nel carcere di San Vittore a Milano, e poi caricati sul convoglio n.6  (binario 21) che li portò, il 6 febbraio 1944 nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Si tratta dello stesso convoglio che ospitò la famiglia Grauer, composta da Samuel, Rosa e i loro figlioli Tito e Marco, i cui nomi sono incisi sulle pietre d’inciampo posizionate a Lanciano lo scorso 16 gennaio 2019.

Vite che camminano all’unisono e che si fanno portatrici del vissuto di tante altre famiglie, che come loro hanno patito la “pena” di esser nati ebrei in un mondo che concepisce l’altro come diverso e non come fratello, amico o simile.  Anche oggi risentiamo di questa tendenza, in un momento storico in cui l’accoglienza, il confronto e l’uguaglianza dovrebbero essere valori ben radicati, visti gli errori commessi nel passato.

“ E voi, imparate che occorre vedere
e non guardare in aria; occorre agire
e non parlare. Questo mostro stava,
una volta, per governare il mondo!
I popoli lo spensero, ma ora non
cantiamo vittoria troppo presto:
il grembo da cui nacque è ancor fecondo.”
(Bertold Brecht)

Desidero lasciarvi con questa frase, la quale dovrebbe costituire per molti uno spunto di riflessione nei confronti di ciò che è accaduto e di ciò che sta accadendo oggi. Mi piacerebbe porre l’accento sul valore della memoria, memoria come arma contro l’oblio. Fare memoria è importante per non commettere gli stessi errori, per attualizzare il passato e trarne insegnamento, per costruire un mondo migliore, un mondo diverso. Spetta a noi giovani specchiarci sulle lamine d’oro di queste pietre d’inciampo, coglierne il senso più profondo e farci portatori di questo messaggio affinché l’uomo non si macchi più di simili orrori.

La famiglia Grauer e le pietre d’inciampo

Intervento di Alessia Torosantucci (classe 5-H) durante la manifestazione svoltasi a Lanciano il 16 gennaio 2019

Gunter Demnig mentre installa le 4 pietre d’inciampo oggi presenti a Lanciano

Gli Stolpersteine sono le pietre d’inciampo trasformate in un progetto artistico dall’artista tedesco Gunter Demnig. Gunter prepara ogni singolo Stolperstein e lo interra personalmente, pienamente consapevole della responsabilità che porta. “Sono sempre inorridito ogni volta che incido i nomi, lettera dopo lettera. Ma questo fa parte del progetto, perché così ricordo a me stesso che dietro quel nome c’è un singolo individuo” dice Gunter. L’installazione di ogni Stolperstein è un processo doloroso ma anche positivo perché rappresenta un ritorno a casa, almeno della memoria di qualcuno.” Pensate nel 1993 dall’artista tedesco, due anni dopo furono installati per la prima volta senza autorizzazione nella città di Colonia. Oggi gli Stolpersteine sono diffusi in centinaia di città europee e in diciassette Stati, tra cui l’Italia. Il suo progetto “Memorie d’inciampo” è di una semplicità ma genialità sorprendente: un semplice sampietrino reca incisi sulla superficie superiore, rivestita di ottone, nome e cognome, data di nascita, data e luogo di deportazione nonché data di morte del deportato. Queste sorgono nei pressi dell’abitazione dei deportati, dai luoghi da cui sono stati strappati ai loro affetti e alle loro occupazioni, per essere uccisi senza essere nemmeno degni di sepoltura. Grazie alle pietre d’inciampo tornano ora nelle loro case per essere ricordati dai parenti e dai tanti cittadini che ogni giorno vi transitano davanti. Questa è la volta della famiglia Grauer e in particolare del piccolo Tito nato qui a Lanciano. È questo il motivo per cui oggi siamo qui. Era il freddo novembre del 1939 quando Samuel Grauer era giunto da Danzica in Italia insieme a sua moglie Rosa Jordan, fermandosi a vivere a Trieste. È qui, che il 6 febbraio 1940 nasce Marco, il loro primo figlio. Le loro condizioni non erano delle migliori. Stando a quelle poche informazioni che le fonti riportano, tra cui quelle del libro di Gianni Orecchioni, ‘’I sassi e le ombre’’ , sappiamo che la famiglia Grauer proveniva da una Polonia appena invasa dalle truppe tedesche e che la loro, fu una fuga precipitosa e disperata. Come se non bastasse, Rosa, la moglie di Samuel, appena dopo il parto iniziò a soffrire di disturbi cardiaci che, costringendola ad un lungo periodo di riposo, fecero ricadere su Samuel, allora semplice falegname, tutta la responsabilità di far fronte alle necessità di casa nonché alla cura del figlio. Nel frattempo, anche l’Italia che fino ad allora era rimasta neutrale entrava in guerra e procedeva all’internamento degli ebrei che vivevano nel suo territorio. 11 luglio 1940, Samuel Grauer e molti altri triestini vengono arrestati e trasferiti nel campo di concentramento di Casoli. A settembre verranno poi assegnati al comune di Orsogna. Qui, raggiunto dai suoi cari nel mese di novembre, come riporta Gianni Orecchioni all’interno del suo libro, Samuel fa richiesta per ottenere un sussidio speciale per sua moglie viste le sue condizioni. A nulla servirono le sue lettere. Ma il tempo passa. Rosa aspetta un altro bambino. E così, il 4 febbraio 1942, nell’ Ospedale Civile di Lanciano, nasce Tito. La gioia di questa nascita però viene ben presto sopraffatta dall’aggravarsi delle condizioni della famiglia che di li a poco viene trasferita nel campo di internamento di Castel Frentano. Ma il loro viaggio non termina qui. Dopo l’8 settembre 1943, quando i tedeschi occupano i territori a nord della linea Gustav, molte famiglie ebree furono arrestate. Il 30 ottobre fu il turno della famiglia Grauer. Papà Samuel, mamma Rosa e i piccoli Tito e Marco furono trasferiti a Chieti e poi  all’Aquila. Insieme con gli altri internati abruzzesi furono condotti nel campo di Bagno a Ripoli a Firenze per poi arrivare nel carcere di Milano dal quale, il 30 gennaio 1944, partirono per Auschwitz dove sarebbero arrivati il 6 febbraio. Il loro era il Convoglio n°6 partito dal Binario 21 della Stazione Centrale di Milano, lo stesso che condivisero con altri 605 ebrei di cui solo 22 fecero ritorno. Tra questi ricordiamo Liliana Segre, oggi senatrice a vita, che da anni si batte contro l’indifferenza di molti riponendo la sua fiducia in noi giovani. È questo il viaggio di donne e uomini, giovani e anziani, ma soprattutto bambini. Bambini come Tito e Marco ai quali è stata negata l’infanzia. Un’infanzia felice e spensierata stroncata sul nascere dal terribile ed ingiustificato odio razzista verso chi ha, come unica colpa, ponendo la parola tra infinite virgolette, quella di essere nato ebreo. Il viaggio dura pochi giorni, giorni che sembrano anni. Un viaggio che sconvolge, che porta a  crescere prima del tempo. Tito compie due anni sul “vagone della morte”. Marco ne compie quattro il giorno dell’arrivo ad Auschwitz. Tutto appare diverso, grande, smisurato agli occhi di Tito e Marco. I due fratellini vengono separati dai genitori dei quali non si saprà più nulla.
Ma questo non ferma il loro amore. Insieme mano nella mano solcano quella coltre grigiastra di nuvole basse e fumo che nasconde i cancelli di Auschwitz e che li separa dalla morte. Tutto è nascosto, ma è lì. “Tito e Marco non si dividono, si guardano, sorridono. Si stringono forte la mano. Sognano insieme. Per sempre. É il 6 febbraio del 1944.”

Gunter Demnig

Elisa Springer, una delle sopravvissute alla Shoah ci dice:

«Oggi più che mai, è necessario che i giovani sappiano, capiscano e comprendano: è l’unico modo per sperare che quell’indicibile orrore non si ripeta, è l’unico modo per farci uscire dall’oscurità».

William Benjamin, un altro dei sopravvissuti ci dice:

«È più difficile onorare la memoria dei senza nome che non quella di chi è conosciuto. Alla memoria dei senza nome è consacrata la costruzione storica».

Spetta a noi far sì che la nostra sia una memoria fertile, capace di costruire, non di distruggere. Una memoria capace di ricordare, non di dimenticare. Ricordare è importante. Fare memoria è importante. Serve a non ripetere gli errori del passato. A far sì che ciò che purtroppo è stato non sia più. Mai più.